A Dangerous Method: farsi coinvolgere dai pazienti

0

di Federica Aliano

Quando un autore abitua il suo pubblico a prodotti di massimo livello, l’aspettativa per i suoi nuovi lavori diventa altissima, e quando il nuovo film non è del tutto all’altezza dei precedenti, la critica diventa a dir poco acrimoniosa. È già accaduto recentemente a Clint Eastwood e a John Carpenter, accade ora con il nuovo lavoro di Cronenberg. Si etichetta come brutto un film che brutto non è, ma che di certo è al di sotto del livello medio a cui il cineasta ci ha abituati. A ben guardare, però,A Dangerous Method si inserisce benissimo nella…

Leggi il resto su Alphabet City

Share.

About Author

Comments are closed.