Pets – Vita da animali

0

Sono passati vent’anni da quando è iniziata la santa guerra dell’animazione digitale. E per quanto in molti ce l’abbiano messa tutta, la Pixar resta leader incontrastata del settore. Per quanti sforzi abbia la fatto la Dreamworks, non è riuscita mai neanche lontanamente ad avvicinarsi alla factory di John Lasseter, e gli sforzi le sono anche costati cari, dato che di quella compagnia resta ormai molto poco, Jeffrey Katzenberg compreso. E non è un caso che l’eredità dell’uomo che di fatto ha creato il moderno cinema d’animazione possa essere presa dall’unico che in questi anni è riuscito a far tremare Pixar. Il suo nome è Chris Meledandri, fondatore di Illumination Studios, e a lui si devono I Minions e adesso Pets – La vita segreta degli animali, film che risponde all’unica domanda sensata che ognuno di noi si dovrebbe porre: cosa fanno i nostri cani e gatti quando noi non ci siamo? La mia gatta dorme e quando non dorme fa pipì sul divano, ma secondo quei geniacci di Illumination c’è molto di più.

Opera molto disneyana, con un incipit che omaggia La carica dei 101 e tanti richiami a classici moderni come Oliver and Co, Basil l’investigatopo, Bianca e Bernie, e perfino il burtoniano Batman Returns. Pets ha l’umorismo slapstick e colto della saga di Cattivissimo me, un ritmo perfetto, personaggi tratteggiati magnificamente e una grande cura per la sceneggiatura, di facile comprensione per i più piccini e apprezzabile dagli adulti.

Assolutamente da vedere, aspettando con ansia Sing, che si preannuncia come uno dei musical più belli degli ultimi trent’anni.

Share.

About Author

Alessandro De Simone

Comments are closed.