Sardinia Film Festival – “My Tyson” vince il premio per il miglior documentario. Il regista lo dedica a Carola Rakete

0

E’ ambientato a Roma, più precisamente nelle estreme periferie di Torre Angela e Torre Maura, “My Tyson”, il cortometraggio documentario vincitore del Premio Villanova Monteleone, che ormai per il settimo anno consecutivo premia il miglior documentario italiano all’interno del Sardinia Film Festival.

Il film, distribuito da Zen Movies, racconta la vita quotidiana diAlaoma Tyson,il campione italiano di boxe dei pesi Youth. Mentre si allena per il prossimo incontro, sua madre Patience racconta la storia della famiglia, dal viaggio migratorio alle difficoltà economiche incontrate in Italia. Rievocando il passato, Patience tesse il futuro di Tyson, il cui nome sembra predestinato ad essere un combattente.

Il premio è stato assegnato da una giuria di assoluta eccellenza, composta dai registi Antonietta De Lillo e Gianfranco Pannonee dalla produttrice Marina Piperno, prima donna a ricoprire il ruolo di produttrice cinematografica negli anni Sessanta.

“Abbiamo avuto l’opportunità di vedere documentari che restituiscono frammenti del nostro complesso paese, e tra questi abbiamo scelto un documentario che mette a confronto due destini e due generazioni, quelli di una madre e di un figlio, che ha in sé una forza drammaturgica anche grazie a una grammatica cinematografica curata ed elegante. Una narrazione che restituisce speranza e riscatto in un momento assai delicato nel processo di accoglienza dell’altro” – questa la motivazione espressa dai tre giurati. Antonietta De Lillo ha tenuto a precisare, al momento della consegna, quanto sia stata ardua la scelta tra lavori ben realizzati e di diverso argomento, ma tutti interessanti nell’evidenziare peculiari realtà del nostro paese e non solo.

“Ringrazio il Sardinia Film Festival e la giuria per questo premio. Riceverlo da professionisti del vostro calibro è un onore ancora maggiore”, ha dichiarato il giovane regista romano Claudio Casalealla consegna della targa. “Il documentario è qualcosa che tu inizi a girare e poi non sai dove andrai a finire, soprattutto quando ti tuffi nella vita di qualcun altro come ho fatto io. La storia di ‘My Tyson’ è un racconto intergenerazionale. Nel raccontare la seconda generazione, di italiani nati da genitori stranieri, abbiamo provato a metterlo in relazione con la generazione d’arrivo. Abbiamo provato a cercare di capire dove sta andando questa Italia multiculturale di cui tanto si parla; a volte è vista come una risorsa, altre come una minaccia, ma la realtà è che è già qui. Nelle periferie soprattutto, che sono sia per opportunità che per mancanza di risorse, la trincea di ogni comunità, si possono vedere questi fenomeni. Per questo Alahoma Tyson, campione italiano dei pesi medi Youth, cresciuto a Torre Angela, ci ha dato i suoi quadri di vita quotidiana di adolescente romano, rapportandolo alle memorie di sua madre riguardo le sue origini, il viaggio migratorio, la sua difficoltà di adattarsi in Italia e la sua volontà di integrazione che, come storicamente abbiamo visto anche noi italiani quando siamo emigrati all’estero, si compie in più di una generazione”.

Claudio Casale ha inoltre voluto dedicare il suo premio a qualcuno di davvero speciale: “Dedico sentitamente questo premio a Carola Rakete di Sea Watch, per l’azione che ha compiuto. La Capitana rappresenta un simbolo di cosa può essere fatto, al di là di come la si pensi e al di là delle leggi italiane. C’è una presa di posizione e c’è una presa di responsabilità per un fenomeno, che è quello migratorio, che sta accadendo e che nessuno vorrebbe. Non lo vorrebbero le persone che partono e nemmeno le persone che accolgono, ma è un fenomeno che esiste, davanti al quale si deve fare una scelta. Personalmente credo che la figura del regista documentarista sia quella di uno che la realtà la segue e al massimo cerca di portare l’attenzione per pochi minuti su qualcosa. Carola e le persone come lei fanno molto di più: si attivano, mettono la propria vita, la posizione sociale e legale in gioco per cercare di salvare vite umane. La storia darà ragione a Carola Rakete, a Mediterranea, a Sea Watch”.

Claudio Casale nasce a Roma, dove si laurea in Economia Aziendale. Vive per anni in India e Sud-Est Asiatico, dove sviluppa la sua passione per il documentario. Tornato in Italia gira “Buio in sala”, web-documentario di analisi sulle sale cinematografiche dismesse, e “Piccolo mondo cane”, documentario sulla precarietà. Nel 2018 realizza “My Tyson”, con il contributo del MiBAC, che viene presentato in anteprima mondiale alla 75° Mostra del Cinema Venezia nella sezione MigrArti, vincendo il premio per il Miglior Documentario. Come regista concentra la sua ricerca sul docufilm, con l’obiettivo di raccontare storie vere emozionanti utilizzando immagini forti e un linguaggio cinematografico. Per raggiungere questo, trascorre diversi mesi ricercando e osservando i soggetti prima di girare una singola inquadratura. Nel 2019 “My Tyson” riceve il premio Villanova Monteleone per il miglior documentario italiano alla XIV edizione del Sardinia Film Festival.

La giuria ha anche assegnato una menzione speciale a “Retour au Village”, di Flora Presenti, “Perché affronta un tema importante, quello dello spopolamento dei paesi rurali, che ci riguarda tutti. Corsica, Sardegna, Europa”.

Share.

About Author

Avatar

Comments are closed.