Mai Stati Uniti: la recensione

0

Carlo ed Enrico Vanzina sono un pezzo di storia del cinema italiano. Volente o nolente, per ereditarietà e per produzione, frequentano gli schermi nostrani, grandi e piccoli, da quarant’anni, spaziando tra i generi e creando format di successo. Due artigiani che nell’epoca della globalizzazione si sono trovati a essere dei non allineati, aggrappati a un cinema della tradizione purtroppo più alimentare che altro. E Mai Stati Uniti nè una conferma.

Cinque persone, tutte con differenti problemi e problematiche, scoprono di essere fratelli. Insieme si imbarcano in un viaggio per spargere le ceneri del padre nel Gran Canyon, e incassare poi la sospirata eredità. Dall’Italia alla Monument Valley succederà di tutto, e i cinque sconosciuti scopriranno di avere molte cose da poter condividere.

Rilettura nostrana del genere road comedy, Mai Stati Uniti non riesce però a prendere una direzione, ma più che i problemi di una sceneggiatura lacunosa, di una regia svogliata e senza ritmo, quello che manca è l’entusiasmo che i Vanzina Bros riuscivano a infondere nel loro cinema fino a qualche anno fa. I tempi di Amarsi un po’, Il cielo in una stanza e Sapore di mare, film che messi a confronto con le commedie odierne hanno ben più dignità e inventiva, sono lontani.

Il cast fa quel che può, si diverte e cerca di divertire, riuscendoci solo a sprazzi, soprattutto a causa del guastatore Giovanni Vernia, fenomeno televisivo che del cinema non ha tempi nė, almeno per ora, le capacità.

Share.

About Author

Alessandro De Simone

Critico, ufficio stampa, festival programmer, esperto di cinema sportivo. Tifoso del Napoli, dove è nata nel corso del XX secolo. Londra è la sua città, dove vive per la maggior parte del tempo. Ha fondato The Cinema Show nel 2010, come primo mensile esclusivamente per iPad in Italia.

Comments are closed.