Vijay – Il mio amico indiano

0

Sam Garbarski ama raccontare le storie degli invisibili, uomini e donne che passano inosservati ma che sono in realtà capaci di grandi avventure. Era così la signora Irina Palm, masturbatrice professionista con le mani e le fattezze di Marianne Faithfull. Lo stesso vale per Will, attore costretto a recitare dentro un pupazzo in un programma per bambini che il giorno del suo quarantesimo compleanno, dimenticato da tutti, decide di dare una svolta alla sua vita. E muore.

Almeno così credono tutti. In realtà Will è solo stato vittima di un incredibile caso del destino e decide di approfittarne, trasformandosi in Vijay Singh, affascinante sikh che lo aiuterà a scoprire molte cose su se stesso e sulla sua vita precedente.

Commedia romantica di stampo chiaramente pirandelliano, presentata al Festival di Locarno 2013 nella bellissima Piazza Grande, Vijay – Il mio amico indiano ha purtroppo gli stessi difetti che già aveva Irina Palm. Si parte da un ottimo spunto iniziale, in questo caso anche molto classico, ma il dipanarsi dell’intreccio è faticoso e poco fluido. Per fortuna ci sono gli attori a salvare la baracca, con un Moritz Bleibtreu davvero eccezionale nei panni del doppio protagonista, e Patricia Arquette finalmente in una parte leggera in cui si trova molto a suo agio.

Alla fine non dispiace, ma òe avventure di Vijay sono un’occasione persa senza la possibilità di un Pascaliano appello.

Share.

About Author

Alessandro De Simone

Critico, ufficio stampa, festival programmer, esperto di cinema sportivo. Tifoso del Napoli, dove è nata nel corso del XX secolo. Londra è la sua città, dove vive per la maggior parte del tempo. Ha fondato The Cinema Show nel 2010, come primo mensile esclusivamente per iPad in Italia.

Comments are closed.