Foxcatcher

0

Scegliere un genere per costruirsi una carriera può essere un’ottima idea, l’importante è farlo bene. Bennett Miller ci sta riuscendo, concentrandosi su un genere rischioso come il biopic, in cui è facile infatti essere banali, agiografici, poco obiettivi, ma come sempre accade l’importante è trovare le storie giuste.

La prima, quella di Capote, era quella più semplice e paradossalmente è anche quella meno riuscita, anche a causa della strabordante interpretazione di Philip Seymour Hoffman e dell’icona di cui veniva raccontata la storia.

Ragazzo intelligente, Miller ha capito presto che bisogna andare a cercare le storie che nessuno racconterebbe, come quella, straordinaria, di Billy Beane, il manager del baseball protagonista di Moneyball. Oltre alla fortuna di avere a disposizione una sceneggiatura firmata da Steven Zaillian e Aaron Sorkin, due monumenti della scrittura cinematografica, la mossa di lavorare sul film sportivo, genere amatissimo dal pubblico americano, ha portato i suoi frutti.

Tornare sul luogo del delitto era naturale, l’importante era trovare una storia altrettanto intrigante. Come quella di Foxcatcher. Lo strano incontro tra i fratelli Schultz, olimpionici americani di lotta greco-romana, e il miliardario John du Pont, è una di quelle vicende che sembra nata dalla mente di un bravo sceneggiatore. Invece è tutto tragicamente vero e Miller costruisce un film sfaccettato, cupo, claustrofobico, raccontando la rapacità dei desideri dei tre protagonisti, uomini in cerca di riscatto e vittoria, inseguendo il sogno americano. Lo faranno, come spesso accade, nel modo sbagliato. Un Requiem for a Dream e l’altra faccia del cinema sportivo. In Foxcatcher non c’è nobiltà, i tre lottatori sono semplicemente meschini ed egoisti, fino alle estreme conseguenze.

Tragedia umana devastante, Foxcatcher è il perfetto contro altare di Moneyball, poema dell’istinto che prevale sulla ragione. Qui invece la ragione uccide l’istinto.

Share.

About Author

Alessandro De Simone

Critico, ufficio stampa, festival programmer, esperto di cinema sportivo. Tifoso del Napoli, dove è nata nel corso del XX secolo. Londra è la sua città, dove vive per la maggior parte del tempo. Ha fondato The Cinema Show nel 2010, come primo mensile esclusivamente per iPad in Italia.

Comments are closed.