Tre domande a Nicola Yoon

0

Arriva il 21 settembre al cinema Noi siamo tutto, tratto dall’omonimo romanzo di Nicola Yoon. Ne abbiamo parlato con l’autrice a Londra.

Miss Yoon, nella nuova tendenza delle love story per adolescenti è spesso presente la malattia. Come mai?

Le grandi storie d’amore sono spesso dolorose, se non tragiche. Nel mio caso la malattia della protagonista serve a porsi una domanda: quanto sei disposto a rischiare per amore.

La tecnologia ha rivoluzionato la comunicazione delle nuove generazioni. È un bene o un male?

Ci sono sicuramente degli aspetti negativi, ma ce n’è anche uno molto positivo. Iniziare a conoscersi scambiandosi solo dei messaggi, come accade a Maddy e Olly, dà la possibilità di poter scoprire l’altra persona prima di tutto per quello che pensa e per la sua sensibilità. Credo non ci sia inizio migliore per una relazione.

Noi siamo tutto ha la struttura di una favola, è una moderna Rapunzel.

Non me ne ero resa conto, ma me lo hanno fatto notare molte delle persone che hanno letto il romanzo già durante la scrittura. E avevano ragione, volevo fosse una fiaba moderna. In fondo lo sono le storie d’amore più belle.

Share.

About Author

Alessandro De Simone

Critico, ufficio stampa, festival programmer, esperto di cinema sportivo. Tifoso del Napoli, dove è nata nel corso del XX secolo. Londra è la sua città, dove vive per la maggior parte del tempo. Ha fondato The Cinema Show nel 2010, come primo mensile esclusivamente per iPad in Italia.

Comments are closed.