Downton Abbey, il ricettario ufficiale

0

Downton Abbey, dopo i successi televisivi, coronati da tre Golden Globes, dodici Emmy Awards e sei Bafta arriva anche sul grande schermo, con il film omonimo nelle sale italiane dal 24 ottobre, distribuito da Universal Pictures. Ma come spesso accade per fenomeni così radicati nell’immaginario collettivo, c’è tutto un mondo collaterale da esplorare. Persino a tavola, in compagnia dell’aristocratica famiglia Crawley.

Ecco quindi che nelle librerie, in perfetta contemporaneità all’uscita del film, spunterà sugli scaffali Il ricettario ufficiale di Downton Abbey (Panini Comics, 272 pagine, 35 euro). Oltre cento ricette, curate da Annie Gray, studiosa di cibo e gastonomia che offre ai lettori, soprattutto a quelli particolarmente pratici dei fornelli, una carrellata di ricette costruita con grande attenzione storica. Tutte pietanze che erano particolarmente popolari tra il 1912 e il 1926, periodo che ha subito notevoli contraccolpi anche nelle abitudini alimentari a seguito della prima guerra mondiale, ma anche per le scoperte mediche e scientifiche che hanno contribuito a far partire un’attenzione particolare nei confronti di ciò che si metteva in tavola.

Il ricettario ufficiale di Downton Abbey è diviso in due sezioni.

Le ricette per “il piano di sopra”, ovvero raffinati piatti della cucina francese di inizio Novecento, che arrivavano sulle tavole più aristocratiche. E quelle per “il piano di sotto”, destinate a tavole non fatte di quarti di nobiltà, la cucina inglese che ancora oggi si trova in alcuni pub di campagna nelle zone centrali dell’isola.

Un manuale per passare qualche serata diversa, soprattutto per chi si vuole sentire almeno a tavola molto British, ma anche uno strumento per comprendere, attraverso uno dei grandi piaceri della vita, la cultura di un paese da sempre ricco di contraddizioni, che negli ultimi anni sono esplose a seguito della Brexit. La cucina britannica, per quanto possa sembrare un ossimoro quest’affermazione, fa capire molto delle abitudini, delle tradizioni e delle idiosincrasie di una nazione che, nonostante da sempre paladina di modernità e progresso, non riesce a staccarsi dalla sua storia imperialista e dalle sue tradizioni, certamente affascinanti, quanto straordinariamente fuori dal tempo.

And God Save the Queen.

Share.

About Author

Avatar

Comments are closed.